Passatelli asciutti

Passatelli asciutti

Il piatto dei passatelli asciutti ha origini nella regione dell’Emilia-Romagna, in Italia. La sua ricetta tradizionale prevede l’utilizzo di pochi ingredienti semplici, come la farina, il parmigiano grattugiato, le uova e il pane grattugiato.

La loro preparazione ha bisogno di una particolare macchinetta chiamata “pavoni”. Questo strumento permette di formare dei cilindri di pasta molto sottili che vengono tagliati a piccoli pezzi. Questi pezzi vengono poi fatti asciugare per circa un paio di ore.

Dopo l’asciugatura, i passatelli asciutti vengono cotti in acqua bollente salata. Quando sono pronti, vengono scolati e conditi con un sugo di pomodoro o un semplice soffritto di aglio e olio.

La storia di questo piatto risale a molti anni fa, quando le famiglie dell’Emilia-Romagna preparavano il loro cibo con ingredienti semplici e genuini. La pasta, in particolare, era un alimento essenziale e veniva preparata in molte varianti. I passatelli asciutti, con la loro preparazione particolare, sono diventati uno dei piatti più rappresentativi della cucina emiliana.

Oggi, sono un piatto molto amato in tutta Italia e sono disponibili in molte varianti, come quelli al ragù o al burro e salvia. La loro semplicità e la loro bontà li rendono un piatto perfetto per ogni occasione, dalla cena in famiglia alle feste e alle ricorrenze.

Ricetta passatelli asciutti

Ingredienti:
– 200g di pane grattugiato
– 200g di farina tipo 00
– 200g di parmigiano reggiano grattugiato
– 4 uova
– Noce moscata
– Sale
– Brodo vegetale q.b.

Preparazione:
1. In una ciotola mescolare la farina, il pane grattugiato, il parmigiano reggiano, la noce moscata e il sale.
2. In un’altra ciotola sbattere le uova e aggiungerle al composto di farina e pane grattugiato.
3. Mescolare bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo e compatto.
4. Prendere la macchinetta “pavoni” e inserire l’impasto all’interno. Premere sulla maniglia e far uscire dei cilindri di passatelli molto sottili. Tagliare i cilindri a pezzetti di circa 1 cm.
5. Disporli su un vassoio e farli asciugare all’aria per almeno un’ora.
6. In una pentola far bollire il brodo vegetale.
7. Aggiungere la pasta al brodo bollente e cuocere per circa 5 minuti o fino a quando i passatelli non vengono a galla.
8. Scolare la pasta e servirla con il sugo di pomodoro o un soffritto di aglio e olio.

Consigli e idee

Ci sono molte varianti della ricetta dei passatelli asciutti, ognuna con i propri ingredienti e modo di preparazione. Ad esempio, si possono sostituire le uova con acqua per ottenere una pasta vegana, o aggiungere del succo di carota o di spinaci per colorarla. Si possono anche aggiungere spezie come il pepe nero o il timo per dare più sapore.

Inoltre, i passatelli asciutti si possono condire con vari sughi, come quello al pomodoro, al ragù, al burro e salvia, ai funghi o alle verdure. Si possono anche aggiungere formaggi come il gorgonzola o la provola affumicata per un gusto più deciso.

In alcune zone dell’Emilia-Romagna, si cucinano con il brodo di carne invece del brodo vegetale, e si servono con il parmigiano reggiano grattugiato.

Insomma, le varianti della ricetta sono molte e permettono di personalizzare il piatto secondo i propri gusti e preferenze.

Gli abbinamenti

Gli abbinamenti della ricetta dei passatelli asciutti possono variare a seconda dei gusti, delle tradizioni regionali e delle occasioni. In generale, sono un piatto molto versatile che si presta a diverse combinazioni.

Per quanto riguarda gli abbinamenti con altri cibi, si sposano bene con i sughi di pomodoro, di funghi, di verdure o di carne. In particolare, si possono abbinare con il ragù di carne o di pollo per un piatto più sostanzioso, o con un sugo di pomodoro leggero per un gusto più delicato. Inoltre, si possono servire con contorni di verdure fresche, come insalata di pomodori, carote o rucola.

Per quanto riguarda gli abbinamenti con le bevande, si sposano bene con vini bianchi o rossi leggeri, come il Lambrusco o il Sangiovese. In alternativa, si possono abbinare con una birra chiara o con un bicchiere di acqua naturale o frizzante. In generale, è importante scegliere una bevanda che non copra il gusto delicato della pasta, ma che ne esalti il sapore.

In conclusione, sono un piatto versatile che si presta a diverse combinazioni di abbinamenti. Si possono servire con vari sughi e contorni di verdure fresche, e si possono abbinare con vini bianchi o rossi leggeri, birra o acqua naturale o frizzante. La scelta degli abbinamenti dipende dai gusti personali e dall’occasione, ma in generale sono un piatto gustoso e apprezzato in molte regioni italiane.